[DTM] Sabato Vince Paffett, ma Rast ha la meglio nella gara di Domenica!

Un weekend qui a Zandvoort iniziato male ma finito nel migliore dei modi per Audi ed in particolare per René Rast.
Gara 1 è stata infatti molto difficile per tutti i piloti della casa di Ingolstadt, e così è stato anche domenica per la maggior parte di loro, ma non per il #33, nonché campione in carica, René Rast, che sabato ha chiuso addirittura diciassettesimo, ma si fa perdonare quest’oggi terminando la gara in prima posizione!

La gara di ieri è stata l’ennesima da dimenticare per la casa dei quattro anelli e l’ennesima da incorniciare per Mercedes Benz, che conquista le prime quattro posizioni, con Garry Paffett in P1, seguito da Paul Di Resta, Lucas Auer e Pascal Wehrlein. Il miglior posto per Audi Sport è quello di Robin Frijins, che chiude quinto. Parecchio indietro troviamo Jamie Green e Loic Duval, che chiudono rispettivamente decimo e undicesimo. Mike Rockenfeller e René Rast terminano in quindicesima e diciassettesima posizione, mentre Nico Müller è stato costretto al ritiro dopo un problema agli pneumatici che lo hanno portato a fare un lungo ad altissima velocità in una curva, in seguito al quale danneggerà pesantemente l’auto. Sarà proprio la Safety Car ad entrare in seguito a questo incidente che penalizzerà il campione in carica Rast, che aveva atteso fino alla fine per effettuare il pit stop obbligatorio. Il ricompattarsi del gruppo ha causato infatti una perdita di diverse posizioni per il numero #33 quando si è fermato ai box a poco dalla fine, quindi non ha più avuto il tempo per una possibile rimonta.
Alla fine la vittoria andrà Garry Paffet, che allunga ancora in testa alla classifica essendo, con 130 punti, a +24 dal secondo, Paul Di Resta.

Schaeffler Audi RS 5 DTM #99 (Audi Sport Team Phoenix), Mike Rockenfeller

La giornata di oggi ha visto un René Rast determinato a riscattarsi dopo la deludente prestazione di ieri; è lui infatti, dopo le qualifiche, a partire dal miglior posto in griglia tra i piloti alla guida della RS5 DTM, aggiudicandosi la terza posizione, dietro a Philipp Eng e al sempre presente Garry Paffet, partito dalla pole. Partirà sesto Mike Rockenfeller, tredicesimo Loic Duval, quindicesimo Nico Müller e solamente ultimo Robin Frijins, che ha avuto dei problemi tecnici sia in FP3 che in qualifica e non ha registrato alcun tempo. Anche in gara la sua RS5 non ne vuole sapere di correre e dopo qualche giro costringerà Frijins al ritiro.
Al semaforo verde di gara 2 tutti i piloti sono determinati a tenere le posizioni e così è stato, ma Rast oggi ha in mente una strategia diversa; si ferma subito infatti per il pit stop obbligatorio, anziché perdere tempo a duellare coi due d’avanti a se. Così facendo uscirà in ultima posizione ben distaccato dal gruppo d’avanti e avrà tempo per spingere il più possibile. La strategia si rivelerà efficace, infatti quando Paffett e Philipp Eng rientrano ai box, perderanno la posizione sul #33, che riuscirà a difenderla fino alla fine, chiudendo quindi primo!
Un po’ più in difficoltà gli altri quattro piloti nelle retrovie a bordo della RS5 DTM, con Nico Müller che con una buona prestazione riuscirà a chiudere in P7, guadagnando otto posizioni; solo quattordicesimo Jamie Green, seguito da Loic Duval e Mike Rockenfeller.

Hoffmann Group Audi RS 5 DTM #53 (Audi Sport Team Rosberg), Jamie Green

Qui i risultati.

Il prossimo appuntamento è l’11 e 12 agosto a Brands Hatch!

audi sportdtmRené RastZandvoort

Giuseppe Mannella • 15 luglio 2018


Previous Post

Next Post