Nuova Audi A1 2019. La piccola di casa diventa Grande.

L’avete attesa, disegnata, provata ad immaginare. Suggestioni sulle versioni, motorizzazioni e adesso eccola qua. Tutte le info e dettagli della Nuova Audi A1 2019.

Nel 2010 debuttava A1, un modello inedito all’interno della gamma Audi. Ora entra in scena la seconda generazione della compatta dei quattro anelli. Elemento caratterizzante della nuova A1 Sportback è il design sportivo. Grazie ai sistemi d’infotainment e assistenza al conducente, degni delle “sorelle” di categoria superiore, la nuova vettura made in Ingolstadt è pienamente integrata nel mondo digitale. Le inedite linee di allestimento lasciano ampio spazio alla personalizzazione.

 

Design degli esterni: incisivo, grintoso e con il DNA della mitica ur-quattro
il design di nuova A1 Sportback identifica la vettura come un’autentica Audi. L’auto cresce sensibilmente in lunghezza e larghezza. Queste le dimensioni esterne: lunghezza 4,03 m, larghezza 1,74 m, altezza 1,41 m. L’ampia carreggiata e gli sbalzi ridotti donano un aspetto sportivo, caratterizzato da linee tese. L’ampia griglia single frame, collocata in posizione ribassata rispetto al passato, e le muscolose prese d’aria laterali spiccano frontalmente. Sotto il bordo del cofano motore sono presenti tre fessure piatte: un chiaro rimando alla mitica Sport quattro del 1984, icona rallistica del Marchio.

 

Osservata lateralmente, nuova A1 Sportback conferma la stretta parentela con Audi ur-quattro e Sport quattro: il montante posteriore, ampio e inclinato, conferisce slancio alla vettura, anche da ferma. Le linee lungo le fiancate – dai bordi dei finestrini alle longarine sottoporta – salgono a forma di cuneo in direzione della coda.

Nella versione S line il carattere sportivo del modello è ulteriormente accentuato da una serie di dotazioni specifiche tra le quali spiccano le prese d’aria ampliate, le longarine sottoporta supplementari e lo spoiler posteriore maggiorato. La motorizzazione più potente è contraddistinta dalla presenza di un incisivo terminale di scarico doppio.

La grafica delle luci diurne dei gruppi ottici full LED (optional) prende spunto dai cosiddetti hydrofoil, forme alari tipiche dello sport velistico che accentuano la larghezza della vettura. I gruppi ottici posteriori riprendono il medesimo motivo dinamico segmentato, rendendo inconfondibile la firma luminosa di A1.

La gamma colori di nuova A1 Sportback include dieci colori carrozzeria. A richiesta è disponibile il tetto a contrasto. Anche le calotte degli specchietti retrovisori esterni, le appendici laterali dello spoiler anteriore e le longarine sottoporta possono essere ordinate con finitura a contrasto.

A1 Sportback Edition, disponibile al lancio, è caratterizzata da cerchi in lega da 18 pollici – color bronzo, bianco o nero in funzione della vernice carrozzeria – dal forte impatto visivo. I proiettori a LED e i gruppi ottici posteriori a LED sono bruniti in omaggio alla leggendaria Audi Sport quattro. Gli anelli Audi all’interno del single frame sono di colore nero.

Le linee di allestimento: Alcuni dettagli come la griglia del radiatore, le prese d’aria laterali, la parte inferiore dei paraurti, l’estrattore e lo spoiler posteriore variano in funzione degli allestimenti: base, advanced o S line. Il pacchetto look nero rende l’aspetto dell’auto ancor più incisivo.

Una importante novità di A1 Sportback è la personalizzazione delle versioni: per la prima volta, il Cliente ha la possibilità di combinare a proprio piacimento gli allestimenti interni ed esterni.

Nuovo look: il design degli interni
Gli interni più sportivi del segmento: ecco l’obiettivo di nuova A1 Sportback. L’abitacolo, ampiamente personalizzabile e caratterizzato da un design suggestivo, colloca in primo piano il conducente. Spiccano in particolar modo la conformazione delle bocchette d’aerazione, la strumentazione digitale e la palpebra che ricopre la strumentazione. Le superfici tese e dinamiche che caratterizzano l’abitacolo vengono riprese da cruscotto, portiere e consolle. Quest’ultima e il display MMI touch (di serie) sono inclinati verso il conducente con un angolo di 13°. Il display e le bocchette di ventilazione lato passeggero vengono inseriti in una superficie dal look Black Panel che si estende sino alle portiere.

Gli allestimenti degli interni advanced, design selection ed S line offrono ampia possibilità di scelta tra molteplici colori e materiali. Il listello decorativo lungo il cruscotto dinanzi al passeggero anteriore è caratterizzato da un design diverso in funzione delle versioni, con tocchi di colore armonizzati tra loro in corrispondenza delle bocchette dell’aria, della consolle e degli incavi delle maniglie delle portiere.

In condizioni di oscurità, il pacchetto illuminazione profili/illuminazione diffusa (disponibile a richiesta) fa risaltare il design degli interni in 30 diverse tonalità grazie agli elementi luminosi a LED.

Più spazio e più comfort: il concept degli spazi
Nuova A1 Sportback è nettamente più spaziosa rispetto al passato e porta in dote un maggiore comfort per il conducente e i passeggeri. Il volume del vano bagagli cresce di 65 litri: in configurazione standard ha una capienza di 335 litri, mentre con lo schienale posteriore abbattuto arriva a 1.090 litri. La soglia di accesso a solo 67 centimetri da terra risulta particolarmente bassa e comoda.

Audi propone due configurazioni di sedili, entrambe disponibili a richiesta con funzione riscaldamento. Le sedute sportive sono equipaggiate di serie con la regolazione manuale in altezza, mentre i fianchetti pronunciati e il supporto lombare adattabile in due direzioni offrono un sostegno ottimale. A dispetto delle dimensioni compatte e della linea sportiva, i passeggeri posteriori di A1 Sportback godono di ampio spazio per la testa e le gambe.

Nativa digitale: comandi e visualizzazione
Nuova Audi A1 Sportback è “nativa digitale”. La dotazione di serie della versione d’accesso può contare sulla strumentazione integralmente digitale, forte di un display ad alta risoluzione da 10,25 pollici. L’Audi virtual cockpit (a richiesta) visualizza una nutrita gamma d’informazioni nel campo visivo del conducente: dalla navigazione adattiva ai contenuti dell’infotainment, inclusi i servizi Audi connect e le rappresentazioni grafiche dei sistemi di assistenza al conducente.

Connessi e aggiornati: infotainment e Audi connect
La configurazione dei comandi deriva dal concept d’infotainment mutuato dai modelli di categoria superiore. Nuova A1 Sportback offre di serie la radio MMI plus, gestibile mediante i comandi multifunzione al volante e completa dell’interfaccia Bluetooth. La radio MMI plus comprende un touchscreen MMI da 8,8 pollici che s’inserisce senza soluzione di continuità nel look black panel della plancia. Tutti i comandi sono di tipo touch, analogamente agli smartphone. Il nuovo concept di comando MMI touch riconosce la scrittura naturale, vale a dire gli inserimenti a mano con un dito, proprio come a bordo della “sorella maggiore” Audi A8. La versione top è rappresentata dal sistema di navigazione MMI plus con touchscreen MMI da 10,1 pollici. I comandi vocali di ultima generazione agevolano il dialogo tra conducente e auto.

Il sistema di navigazione MMI plus consente ai conducenti di A1 Sportback, in abbinamento alla tecnologia Audi connect, di accedere a una serie di funzioni caratteristiche delle vetture di categoria superiore. Ad esempio la navigazione ibrida che calcola il percorso nel cloud, prendendo in considerazione le condizioni del traffico in tempo reale. L’inserimento “ibrido” delle destinazioni – una combinazione tra strategia d’azione onboard e online – supporta il Cliente nella ricerca di distributori, parcheggi, ristoranti e hotel. A tale scopo, il sistema attinge dal web informazioni quali i prezzi del carburante e la disponibilità dei parcheggi, visualizzandole nell’elenco dei risultati. In alternativa è possibile effettuare una ricerca su Google. Ulteriori highlight sono la visualizzazione satellitare delle mappe e i nuovi modelli urbani in 3D che offrono una precisa visualizzazione delle città.

Con il sistema di navigazione MMI plus, il cliente può utilizzare molteplici servizi Audi connect, beneficiando d’informazioni su viaggi, parcheggi e viabilità, dell’accesso a Twitter e alla casella e-mail oltre che della navigazione con Google Earth e Google Street View.

Il pacchetto Connectivity costituisce il non plus ultra della connessione a bordo: comprende l’Audi smartphone interface, che integra gli smartphone iOS e Android tramite Apple CarPlay e Android Auto in un ambiente sviluppato appositamente all’interno dell’MMI, oltre a due interfacce USB (1x USB-A e 1x USB-C con innalzamento della corrente di ricarica).

L’Audi phone box, anch’esso disponibile a richiesta, collega lo smartphone all’antenna di bordo, garantendo una qualità di ricezione superiore e ricaricando per induzione gli smartphone che supportano lo standard QI. Ulteriori dotazioni opzionali completano il programma d’infotainment, ad esempio la ricezione DAB e la funzione Hybrid Radio che, in caso di scarsa qualità della ricezione, commuta automaticamente e senza interruzioni tra il segnale terrestre (FM/DAB) e lo streaming online, consentendo al cliente di accedere a oltre 25.000 emittenti e podcast.

L’Audi Sound System (a richiesta) prevede otto altoparlanti incluso un subwoofer e il relativo amplificatore a sei canali con potenza di 180 watt, mentre il Bang & Olufsen Sound System di livello superiore, anch’esso optional, gestisce undici altoparlanti con potenza di 560 watt. L’effetto acustico tridimensionale, con il parabrezza che funge da superficie riflettente per i quattro altoparlanti nel cruscotto, regala una straordinaria esperienza sensoriale, unica nel segmento.

Sicurezza al top: i sistemi di assistenza al conducente
I sistemi di assistenza al conducente di Audi A1 Sportback derivano dalle vetture di categoria superiore. Oltre a mantenere l’auto alla corretta distanza dal veicolo che precede, agevolano il conducente nel restare all’interno della corsia e supportano in fase di parcheggio.

L’assistenza al mantenimento della corsia (di serie) si avvale di una telecamera che rileva la segnaletica orizzontale a partire da una velocità di 65 km/h, portando in dote interventi correttivi allo sterzo e apposite vibrazioni. Il limitatore di velocità, anch’esso di serie, evita che A1 Sportback superi i limiti impostati.

Audi pre sense front è incluso nella dotazione base. Consente ad A1 Sportback di definire nuovi standard di riferimento nel segmento. Il sensore radar riconosce eventuali situazioni critiche che coinvolgono altri veicoli, pedoni o ciclisti, anche quando la visibilità è scarsa. Quando Audi pre sense front rileva un pericolo di collisione, avvisa il conducente in base a una strategia graduale. In assenza di una reazione agli avvisi ottici e acustici, il sistema attiva una breve pressione frenante. Se la criticità perdura, l’auto rallenta automaticamente in base alla situazione e alle condizioni ambientali, frenando sino al completo arresto qualora si proceda a bassa andatura. A1 Sportback può così evitare del tutto la collisione o mitigarne la gravità, riducendo la velocità dell’impatto. All’occorrenza, entrano in funzione le misure di protezione dell’Audi pre sense basic: le cinture di sicurezza anteriori vengono tese elettricamente, i finestrini si chiudono e si accendono le luci lampeggianti d’emergenza.

L’adaptive cruise control, basato anch’esso sulla tecnologia radar, mantiene Audi A1 Sportback alla distanza desiderata rispetto al veicolo che precede: il conducente può impostare la distanza su cinque livelli e definire l’accelerazione tramite i programmi dell’Audi drive select. Se la vettura è dotata della trasmissione S tronic, il sistema è attivo in un range di velocità compreso tra 0 e 200 km/h, mentre con il cambio manuale il sistema interviene a partire da 30 km/h. In condizioni di traffico normali, la funzione Stop & Go (in abbinamento al cambio S tronic) è in grado di frenare Audi A1 Sportback sino al completo arresto alle spalle del veicolo che precede.

La ricerca di un posto libero: parcheggiare in totale relax
Per facilitare le operazioni di parcheggio, nuova Audi A1 Sportback mette a disposizione diversi sistemi. In aggiunta all’ausilio al parcheggio posteriore, per la prima volta nella storia del modello è disponibile la telecamera per la retromarcia in abbinamento al sistema di ausilio al parcheggio plus.

L’assistente al parcheggio è in grado di guidare A1 Sportback negli spazi di sosta. Procedendo a bassa velocità, dodici sensori a ultrasuoni riconoscono gli spazi longitudinali e trasversali. Il conducente deve solo inserire la retromarcia, accelerare e frenare, mentre l’assistente al parcheggio gestisce la vettura anche negli stalli a pettine ed eseguendo più manovre.

Leggera e solida: la carrozzeria
La “spina dorsale” di nuova A1 Sportback è costituita da componenti in acciaio sagomato a caldo. Tale materiale composito ad altissima resistenza costituisce il 27% della scocca, garantendo un’eccellente sicurezza passiva oltre a un’elevata rigidità torsionale. La carrozzeria rigida e la qualità di assemblaggio senza compromessi assicurano precisione di guida e assenza di risonanze.

Con una superficie frontale di 2,07 m2 e un coefficiente di resistenza aerodinamica (Cx) di 0,31, nuova A1 Sportback si colloca al top della categoria. Specifici elementi applicati alla carrozzeria, ad esempio i triangoli all’altezza dello spoiler al tetto e i gruppi ottici posteriori sagomati, garantiscono un distacco del flusso d’aria ben definito. Il sottoscocca è quasi interamente carenato.

Potenti ed efficienti: i motori
Il piacere di guida garantito da nuova Audi A1 Sportback è merito soprattutto dei potenti motori. Sono disponibili efficienti propulsori a benzina la cui potenza spazia da 95 a 200 CV. Tutte le unità si avvalgono della sovralimentazione mediante turbocompressore, dell’iniezione diretta e del filtro antiparticolato.

Per tutti i propulsori, Audi propone un cambio manuale o la trasmissione S tronic a doppia frizione a 7 rapporti. Unica eccezione la versione top di gamma da 200 CV, abbinata di serie a un cambio S tronic a 6 marce.

Taratura sportiva e sicura: l’assetto
Lo schema delle sospensioni di nuova Audi A1 Sportback porta in dote maneggevolezza, feeling sportivo e sicurezza. L’avantreno è caratterizzato da una struttura McPherson con bracci trasversali triangolari inferiori e supporti oscillanti in alluminio abbinati a molle elicoidali con ammortizzatori telescopici a gas. Al retrotreno viene adottato un leggero e compatto assale a ruote interconnesse con barra stabilizzatrice integrata.

Per nuova A1 Sportback la Casa di Ingolstadt propone tre varianti d’assetto. Alla versione base si affianca il setup sportivo, disponibile a richiesta, che in abbinamento agli ammortizzatori regolabili diviene la configurazione top di gamma. La stabilità in rettilineo e il comportamento neutrale in curva sono frutto della combinazione con il servosterzo elettromeccanico adattabile in funzione della velocità.

Due pacchetti riuniscono gli equipaggiamenti opzionali che consentono di accentuare il carattere dinamico di A1 Sportback: includono, nello specifico, l’assetto sportivo, le pinze freno rosse e i dischi freno maggiorati. Il pacchetto dinamico Performance aggiunge gli ammortizzatori regolabili, l’Audi drive select e il sound generator.

L’impianto frenante di nuova A1 Sportback garantisce risposte pronte e un feeling immediato. Nuova A1 Sportback con trasmissione S tronic è equipaggiata di serie dell’assistenza alla partenza che, in pendenza, aumenta la sicurezza impedendo alla vettura di arretrare dopo l’arresto. Tale dotazione è opzionabile a richiesta qualora si opti per il cambio manuale. Sono disponibili cerchi in lega da 15 a 18 pollici.

Nuova A1 Sportback è disponibile, a richiesta, con il sistema di controllo della dinamica di marcia Audi drive select che consente di selezionare quattro modalità di marcia per modificare le caratteristiche di guida: auto, dynamic, efficiency e individual.

Nuova A1 Sportback raggiungerà le concessionarie italiane al termine dell’autunno.

All new Audi A1Audi A1 2019Audi Quattro Historic Rally Teamaudi S1

Yuri Lo Latte • 11 luglio 2018


Previous Post

Next Post